Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Preferenze cookies

Diplomazia economica

L’Ambasciata aggiorna periodicamente un rapporto, redatto in collaborazione con l’Ufficio ICE di Kuala Lumpur, relativo alla situazione economica complessiva in Malaysia, all’andamento dei rapporti economico-commerciali bilaterali ed alle prospettive di investimento che la Malaysia offre alle aziende italiane.

Il rapporto analizza i seguenti aspetti:

  • Quadro macroeconomico
  • Individuazione delle aree di intervento
  • Politica commerciale e di accesso al mercato
  • Politica promozionale e proposte operative di intervento congiunto

Il rapporto, redatto in lingua italiana può essere scaricato dal portale
infoMercatiEsteri

FARE AFFARI IN MALAYSIA

La Malaysia offre rilevanti opportunità per le imprese italiane. Posta al centro della regione del sud est asiatico, il paese presenta, infatti, un vantaggioso sistema di incentivi agli investimenti, una diffusa conoscenza della lingua inglese, un buon livello di infrastrutture, una manodopera generalmente qualificata e dai costi contenuti, che costituiscono elementi importanti per facilitare lo sviluppo di nuove imprese. Importanti società italiane hanno eletto la Malaysia centro nevralgico delle proprie attività nel sud est asiatico. Sono circa un centinaio e alcune operano anche con stabilimenti produttivi e propri uffici.
Per utili approfondimenti riguardanti le modalità di accesso al mercato malese è possibile consultare la sezione del sito Fare affari in Malaysia.

ACCORDI IN VIGORE

Accordo sulla reciproca promozione e protezione degli investimenti (Kuala Lumpur, 4 gennaio 1988).

Accordo per prevenire le doppie imposizioni e per prevenire le evasioni fiscali in materia di imposte sul reddito (Kuala Lumpur, 28 gennaio 1984).

Dal 1° aprile 2015, con provvedimento del Ministero dell’economia e delle finanze italiano, la Malaysia è stata rimossa dalla black list sulla “indeducibilità dei costi” e dalla black list “CFC-Controlled Foreign Companies”. Il provvedimento si propone di facilitare gli scambi e snellire le procedure amministrative per gli operatori/investitori interessati a questo mercato.