Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Preferenze cookies

Ordinanza del Ministro della Salute del 22 febbraio relativa agli spostamenti verso l’Italia

Si allega il testo dell’ordinanza firmata in data 22 febbraio u.s. dal Ministro Speranza, che modifica la disciplina relativa agli spostamenti da e per l’estero, con effetti a partire dal 1 marzo e fino al 31 marzo p.v. (data in cui cessera’ lo stato di emergenza).

In particolare, vengono eliminate le liste dei Paesi e uniformate le regole di ingresso sul territorio nazionale tra Paesi UE/Schengen e resto del mondo. L’ingresso in Italia – da Paesi extra-europei e dunque anche dalla Malesia – verra’ consentito presentando:

– il digital Passenger Locator Form (dPLF) in forma digitale o cartacea;

– la certificazione verde Covid-19 (certificato di vaccinazione, certificato di guarigione oppure test molecolare o antigenico negativo) o altra certificazione di vaccinazione riconosciuta come equivalente. In merito all’equivalenza di vaccini somministrati all’estero, si fa riferimento a quanto gia’ precedentemente segnalato e pubblicato sul sito di questa Ambasciata il 4 ottobre u.s. al seguente link: https://ambkualalumpur.esteri.it/ambasciata_kualaLumpur/it/ambasciata/news/dall_ambasciata/2021/10/aggiornamento-sull-equivalenza.html

In caso di mancata presentazione di una delle certificazioni di cui sopra, si applica la misura della quarantena per un periodo di 5 giorni – all’indirizzo indicato nel Passanger Locator Form – con l’obbligo di sottoporsi a test molecolare o antigenico al termine del periodo mentre continuano ad applicarsi delle deroghe per specifiche categorie di cui all’art. 2 dell’ordinanza allegata.

Si segnala infine che le informazioni summenzionate sono accessibili a tutti anche sul sito del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale al seguente link: https://www.esteri.it/it/ministero/normativaonline/focus-cittadini-italiani-in-rientro-dall-estero-e-cittadini-stranieri-in-italia/